Gästebuch


Non inserite numeri telefonici o dati personali
*
Ihre Mitteilung : *

Bitte untenstehende Buchstaben in das rechte Feld eintippen : (Info)


 
Zeige nur die Mitteilungen mit folgenden Wörtern :

Mitteilungen : 81 von 90
Seite : 9
Anzahl Mitteilungen : 1626
 
am 18/10/2021 an 15:23

L’ultima nota del tuo addio
mi disse che non sapevo nulla
e che arrivavo
al tempo necessario
di imparare i perchè della materia.
Così, fra pietra e pietra
seppi che sommare è unire
e che sottrarre ci lascia
soli e vuoti.
Che i colori riflettono
l’ingenua volontà dell’occhio.
Che i solfeggi e i sol
raddoppiano la fame dell’orecchio
Che è la strada e la polvere
la ragione dei passi.
Che la via più breve
fra due punti
è il giro che li unisce
in un abbraccio sorpreso.
Che due più due
può essere un pezzo di Vivaldi.
Che i geni gentili
stanno nelle bottiglie di buon vino.
Una volta imparato tutto questo
tornai a disfare l’eco del tuo addio
e al suo posto palpitante scrissi
la Più Bella Storia d’Amore
ma, come dice l’adagio,
non si finisce mai
d’imparare e aver dubbi.

Così, ancora una volta
tanto facilmente come nasce una rosa
o si morde la coda una stella cadente,
seppi che la mia opera era stata scritta
perchè la più bella storia d’Amore
è possibile solo
nella serena e inquietante
calligrafia dei tuoi occhi.
 
am 13/10/2021 an 21:35

Toglimi il pane, se vuoi,
toglimi l'aria, ma
non togliermi il tuo sorriso.
Non togliermi la rosa,
la lancia che sgrani,
l'acqua che d'improvviso
scoppia nella tua gioia,
la repentina onda
d'argento che ti nasce.
Dura è la mia lotta e torno
con gli occhi stanchi,
a volte, d'aver visto
la terra che non cambia,
ma entrando il tuo sorriso
sale al cielo cercandomi
ed apre per me tutte
le porte della vita.
Amor mio, nell'ora
più oscura sgrana
il tuo sorriso, e se d'improvviso
vedi che il mio sangue macchia
le pietre della strada,
ridi, perché il tuo riso
sarà per le mie mani
come una spada fresca.
Vicino al mare, d'autunno,
il tuo riso deve innalzare
la sua cascata di spuma,
e in primavera, amore,
voglio il tuo riso come
il fiore che attendevo,
il fiore azzurro, la rosa
della mia patria sonora.
Riditela della notte,
del giorno, della luna,
riditela delle strade
contorte dell'isola,
riditela di questo rozzo
ragazzo che ti ama,
ma quando apro gli occhi
e quando li richiudo,
quando i miei passi vanno,
quando tornano i miei passi,
negami il pane, l'aria,
la luce, la primavera,
ma il tuo sorriso mai,
perché io ne morrei.
 
am 10/10/2021 an 18:32

Abbiate sempre il coraggio di rincorrere il vostro amore, anche quando sembra difficile, quando sembra sbagliato e senza futuro, abbiate sempre quel coraggio di provarci senza mai arrendervi nemmeno quando la strada sarà in salita, perché bisogna sempre lottare fino in fondo, per amore questo ed altro.
 
am 08/10/2021 an 19:20

È meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente...
 
am 08/10/2021 an 18:40

Nessuno stupido si avvicinerebbe al fuoco dopo aver capito che scotta. Nessuno, tranne chi ha un motivo valido per bruciarsi.
Non mi è ancora chiaro il motivo per cui sono qua.
Perché ogni volta che le cose andavano male,
io ero quello a cui davano la colpa.
 
am 07/10/2021 an 22:57

Io pronuncio il tuo nome
nelle notti oscure,
quando giungono gli astri
a bere nella luna,
e dormono i rami
delle fronde occulte.
Ed io mi sento vuoto
di passione e di musica.
Folle orologio che canta
antiche ore defunte.
Io pronuncio il tuo nome
in questa notte oscura,
e il tuo nome mi suona
più lontano che mai.
Più lontano di tutte le stelle
e più dolente della mite pioggia.
Ti amerò come allora
qualche volta? Che colpa
ha commesso il mio cuore?
Se la nebbia si scioglie
quale nuova passione mi aspetta?
Sarà tranquilla e pura?
Se potessi sfogliare
con le dita la luna!!
 
am 07/10/2021 an 21:11

Ti amo
 
am 05/10/2021 an 19:56

...a volte i sogni si avverano...
 
am 04/10/2021 an 18:37

Un abbraccio vale più di mille parole.
 
am 02/10/2021 an 16:25

Quando arriverà il momento di dover prendere una decisione, dovrai tenere a mente tutti i sentimenti negativi accumulati negli anni, tutta l'ansia, la paura spropositata, le ingiustizie e le difficoltà vissute quotidianamente sulla tua pelle.
Quando dovrai prendere quella dannata decisione e sentirai addosso il terrore di sbagliare e la conseguente voglia di non fare più nulla perché senti le catene dell'obbligo che ti spingono per terra, allora tu in quel momento dovrai ricordare tutto quello che ti ho detto.
Non dovrai pensare ai singoli momenti tranquilli, dovrai pensare a quanti momenti difficili hai dovuto vivere prima di vivere un singolo giorno tranquillo.
E quando penserai di star sbagliando tutto, devi ricordarti che non è sbagliato scegliere di voler essere felici, è sbagliato rassegnarsi a non esserlo.
   
Mitteilungen : 81 von 90
Seite : 9
Anzahl Mitteilungen : 1626